Guida alla San Pietroburgo da vivere

Il prestigio di San Pietroburgo è andato crescendo nel corso degli anni, fino a diventare la destinazione più quotata d'Europa: meta non banale e ricca di sorprese per il turista italiano.

image
Lo so, non ci si crede: eppure i ponti a San Pietroburgo aprono all'una di notte e si riabbassano dopo le cinque. Questa è una fotografia durante le famose notti bianche: quando la notte è da vivere, come e forse più del giorno.
La top 10

Un tempo galleria privata di Ekaterina II, il museo Hermitage è divenuto nel tempo uno dei musei più invidiati al mondo: soffermandosi 5 minuti di fronte ad ogni opera dovreste impiegare una settimana per vederlo tutto. Ma è un must e la sua posizione centralissima lo rende il primo della lista.

E poi ci sono le notti bianche, dall’atmosfera estatica, sublime. La Chiesa del Nostro Signore sul Sangue Versato il cui layout la rende così simile al disegno d’un bimbo. La cucina russa con le sue influenze orientali. La residenza di Peterghof, la Versailles russa, e una soirée al Mariinskij.

Un giro sui canali: San Pietroburgo, a differenza di Venezia, è spaziosa e il colpo d’occhio dall’acqua è imperdibile. La mitica banya russa, la fortezza di Pietro e Paolo e la prospettiva Nevsky sono balsamo per la vostra pelle e i vostri occhi.

image
Passeggiando per la piazza del palazzo, dove ha sede il museo dell'Hermitage, vi sembrerà di fare un tuffo nel passato. Che brividi.
Il villaggione

San Pietroburgo è soprannominata dai russi “il villaggione”: ma come può essere così chiamata una città con più di 5 milioni di persone? Perché lo stile di vita non è quello di una metropoli. A differenza di Mosca (emblema 24 ore su 24 del moto perpetuo), San Pietroburgo si sveglia gradualmente all’alba e la sera dopo le 20 lentamente si rilassa. Cala il ritmo, meno persone in giro. Talvolta camminando a qualche centinaio di metri dalla Nevsky di sera si ha quasi l’impressione d’esser soli. La night life parla chiaro: da settembre ad aprile i giorni di punta sono giovedì, venerdì e sabato e dalla domenica riappare la quiete di inizio settimana. E si riparte. A ritmo d’uomo.

In tutto questo fa eccezione l’estate, con le sue notti bianche, infinite giornate senza notte, quando fiumi di persone si riservano nelle strade calde, quasi a vendicare con dolcezza le sofferenze dei mesi invernali.

In Russia c'è la tradizione dei negozi aperti 24 ore: non solo supermercati ma addirittura negozi di telefoni o fiorerie. D'altronde chi non ha mai pensato di regalare un bouquet di rose all'alba?

image

Uova di
Faberge

Fabergé iniziò la sua attività di gioielliere nel 1842: la tradizione di regalare le uova alle zarine nacque nel 1885 e da allora divenne uno dei simboli della Russia.
Alternativo

C’è anche un circuito alternativo di musei o divertimenti, che spazia dall’underground al classico meno conosciuto alla massa. A tutti i nostalgici consigliamo il museo dei videogames sovietici: si trova nella centralissima piazza Koniushennaya al numero 2 e dà la possibilità di giocare con una cinquantina di macchine che risalgono ai tempi di Brezhnev.

Merita una citazione anche il centro culturale Pushkinskaya 10 (l’entrata è da Ligovskij 53) , nascosto in una soffitta tra i palazzi del centro città ma dal fascino autenticamente pietroburghese, dove spesso vengono organizzati concerti oppure proiezioni di film alternativi.

Infine, il museo Fabergé, anch’esso in posizione invidiabile (lungofiume Fontanka 11) dove vengono gelosamente custodite 9 delle celebri uova della collezione imperiale e altri oggetti realizzati dagli artigiani della Russia pre-rivoluzionaria.

Consigli pratici
Prendetevi il tempo non solo per vedere, ma per guardare. San Pietroburgo è una grande città e gli stimoli sono innumerevoli, non riuscirete ad entrare in tutti i luoghi principali se la vostra vacanza dura una settimana pertanto è opportuno scegliere e anche avere il tempo per passeggiare senza stress, l’atmosfera che si respira è forse il dono più grande di questa città. Tutti i nostri turisti alla fine dicono: “fantastico ma abbiamo camminato tantissimo”. San Pietroburgo è stata costruita a misura di Zar: regale e spaziosa, dal costante tocco imperiale. A maggior ragione considerate il tempo reale che comporta lo spostamento tra un luogo e l’altro e sfruttatelo per osservare i dettagli della città o per una sosta in qualche caffè locale.
  • All
  • Cosa Fare
  • 24 cose
    da fare
    " data-mosaic-order-date="">
    24 imperdibili spunti pietroburghesi: uno degli articoli più letti del nostro portale...
    Read More
  • Via
    Dumskaja" data-mosaic-order-date="">
    • Cosa Fare

    Via
    Dumskaja

    Dumskaya street è la via più underground di San Pietroburgo: bazzicata ogni giorno della...
    Read More
  • Calcio
    live
    " data-mosaic-order-date="">
    • Cosa Fare

    Calcio
    live

    Il ristorante italiano Amarcord di via Zhukovskogo 49 è l'ideale per le partite di calcio...
    Read More
  • RESIDENZE
    RUSSE
    " data-mosaic-order-date="">
    Peterghof, Pushkin, Pavlovsk, sono le 3 perle sul Baltico: per respirare l'atmosfera degli Zar russi...
    Read More
  • NEI
    DINTORNI" data-mosaic-order-date="">
    • Cosa Fare

    NEI
    DINTORNI

    Spiagge, monasteri, isole antiche al centro d'un lago e non solo: per i più avventurosi...
    Read More